Gioco d’azzardo: il Pd provinciale dice “no” e lancia un odg che impegni le amministrazioni

Un secco no al gioco d’azzardo e un’indicazione precisa nella lotta alle ludopatie: è questo il senso di un ordine del giorno presentato da un folto gruppo di amministratori locali del Partito Democratico. La piaga delle patologie legate al gioco, sia esso legale o illegale, è in continuo aumento.

A dirlo, con la dura crudezza dei numeri, sono i dati, che ci parlano di circa 1milione di persone che in Italia soffrono di problematiche legate al gioco. Ad acuire questi effetti poi, il fatto che negli ultimi anni è aumentata drasticamente l’offerta, cioè la possibilità di accedere al gioco.

Gratta e vinci, lotto, toto calcio, slot machine, siti fisici e online per poker e roulette sono sempre più diffuse in tutta Italia, e in questo quadro Pistoia non fa eccezione. Uno studio dell’Agenzia Regionale di Sanità effettuato nel 2011, dimostra infatti che la Provincia di Pistoia, assieme a quella di Massa Carrara, è tra quelle maggiormente colpite dal fenomeno, con i tassi di crescita del disturbo maggiore, in termini sia percentuali che assoluti.

Alla luce di questi preoccupanti dati, l’ordine del giorno dei democratici chiede ai Sindaci del territorio, alle Giunte comunali e a tutti i gruppi consiliari, di predisporre azioni coordinate per arginare il problema. In particolare si sollecitano le Istituzioni ad attivare iniziative in ambito socio-sanitario pubblico, nel privato sociale e nelle associazioni di volontariato, affinché siano promossi interventi sia di prevenzione che di cura.

Altro aspetto poi riguarda il coinvolgimento attivo delle Forze armate, al fine di favorire una cultura comune di prevenzione non solo riguardo agli interventi repressivi nei contesti clandestini ma anche rispetto agli ambiti di gioco legale, a maggiore tutela dei minori.

Lo stimolo insomma, è che i gruppi consiliari Pd nelle varie realtà locali, presentino mozioni/ordini del giorno che si muovano il linea con la campagna “Mettiamoci in gioco” (promossa da Anci, Arci, Acli, Avviso Pubblico ed altre associazioni) e al “Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo” (promosso dalla Scuola delle Buone Pratiche delle Terre di mezzo e da Legautonomie).

Firmatari (componenti della Direzione provinciale PD): Valeria Nanni, Simone Fragai, Emanuele Logli, Valentina Meoni, Valentina Noligni, Benedetta Papa, Agnese Pippolini, Riccardo Trallori, Walter Tripi, Barbara Vannelli, Gregorio Vettori.

Adesioni: Valentina Incerpi, Annamaria Rufino, Tommaso Scarnato, Marianna Menicacci, Federica Sciré, Giacomo Mangoni, Luisa Tonioni, Massimo Vannuccini, Matteo Manetti, Serena Galardini, Silvia Novelli, Rachele Santini, Elena Signori, Valerio Pellegrini, Marco Catola, Sara Viti, Elena Pellicci, Lorenzo Mucci, Gabriele Femia, Patrizio Balli, Matteo Fasciana, Valentina Sbanchi.

Precedente La buona scuola #LARACCONTIAMONOI Successivo Congresso Provinciale GD Pistoia