Trallori in risposta al M5S sulla diretta streaming del Consiglio Comunale

Pubblichiamo la risposta completa che Riccardo Trallori, consigliere comunale GD, ha inviato riguardo alle accuse mosse dal Movimento 5 Stelle dopo questo articolo.

I grillini lamentavano, per la cronaca, la presenza di una proposta omologa consegnata già due anni fa da un esponente IDV (clicca qui per leggere l’articolo). Tale progetto però, evidentemente, non è mai stato opportunamente seguito all’atto pratico neanche da chi l’aveva proposto, considerato che a Riccardo sono bastati pochi passaggi formali (e qualcuno concreto) per ottenere in poche settimane il risultato, tra l’altro ampiamente anticipato e annunciato in tutta la campagna elettorale (clicca qui per leggere le proposte) che abbiamo costruito come GD insieme e per Riccardo stesso. Spesso il fare conta più del dire.

“È simpatico vedere come i rappresentanti del Movimento 5 Stelle si affannino per rivendicare il loro ruolo nell’installazione della diretta streaming delle sedute del Consiglio Comunale. Il sottoscritto, come aveva sostenuto nella sua campagna elettorale, appena eletto ha protocollato una richiesta il 30 giugno di quest’anno chiedendo al Presidente del Consiglio che si adoperasse, insieme agli uffici competenti, per procedere all’installazione. Nella stessa richiesta erano indicati, in maniera puntuale, diverse modalità pratiche per applicare lo streaming nella Sala Gonfalone. Mi spiace che i “grillini” in due anni non siano riusciti ad imporsi con la diretta streaming, ma non credo debbano prendersela se qualche altro gruppo riesce a condurre con più efficacia le loro stesse battaglie.”

Per leggere articoli al riguardo:
La voce di Pistoia

 

Precedente Dopo il successo dello streaming l'obbiettivo è estendere l'orario della biblioteca Successivo Rise up!